Attraverso lo specchio | CieloTerraDesign
menu
Isabella Clara Sciacca

4 novembre 2016

Attraverso lo specchio

Share:

Una cucina buia e spazi poco sfruttabili diventano la sfida di questa ristrutturazione nel centro di Barcellona

 

La casa di cui vi scriviamo oggi presentava, prima dell’intervento degli architetti, molte potenzialità ma anche non pochi problemi.

La planimetria dell’appartamento si presentava irregolare. Un grande spazio, originariamente dedicato alla camera da letto, continuava in un ambiente dalla pianta trapezoidale. A questo cambio di spazi corrispondeva una variazione nel bellissimo soffitto a mattoni, in cui le caratteristiche travi di legno, tipiche delle abitazioni di fine secolo del quartiere, passavano da una disposizione parallela ad una a ventaglio, perdendo ogni simmetria.

La cucina buia e piccola era collegata al soggiorno da uno stretto corridoio. Il bagno, al quale si accedeva attraverso la cucina, era dotato dell’unica doccia dell’abitazione ed era situato di fronte alla terza camera da letto.

Questa distribuzione creava spazi bui in cui era difficile collocare mobili contenitori.

Per questo motivo lo studio di architettura nook architects ha deciso di eliminare la terza stanza e cambiare la posizione del living, così da guadagnare una superficie maggiore nelle zone giorno.

La struttura originaria della casa aveva il living nella zona a pianta asimmetrica e la camera da letto era esattamente all’altro capo dello stesso ambiente.

La ristrutturazione ha invertito la posizione del living con la cucina ed è stata creata un’apertura nel muro portante che le separa, così i due ambienti risultano adesso perfettamente comunicanti fra di loro e molto più luminosi.

La camera da letto padronale è stata collocata nella zona con pianta ad angolo smussato. Il bagno principale è stato ampliato e collocato dove prima era la cucina; una porta realizzata con un pannello in policarbonato fa sì che, quando la luce del bagno viene accesa, il pannello si illumina come fosse una grande lampada verticale che amplifica la parte centrale dell’appartamento. Solo la seconda camera da letto e il bagno più piccolo hanno mantenuto la posizione originale, pur essendo stati anch’essi completamente ristrutturati.

La nuova sistemazione degli ambienti permette alla luce di penetrare in profondità nell’appartamento, illuminando ambienti prima immersi nel buio, perché lontani dalle finestre e migliora la comunicazione fra zona giorno e notte, creando una sensazione di maggiore apertura.

Le due zone sono ora separate da un’ampia porta scorrevole, dipinta dello stesso giallo della parete, così da farla sparire quando è aperta.

Una soluzione particolarmente creativa e di semplice esecuzione è data dalla parte superiore della stessa parete, dotata di uno specchio. Si crea così l’illusione che la separazione dei due ambienti sia parziale, mantenendo la continuità del bel soffitto originale di mattoni e travi a vista ed eliminandone la mancanza di regolarità data dalla parte finale, in cui le travi prendono disposizione radiante.

La simmetria è mantenuta per tutto l’ambiente e la resa è di grande naturalezza anche per quanto riguarda la scelta dei colori: bianco, ocra e i toni del grigio.