La prima spirale di Frank LLoyd Wright non era il Guggenheim e fu bocciata - CTD
menu

18 dicembre 2018

La prima spirale di Frank Lloyd Wright non fu il Guggenheim (e venne bocciata)

Share:
automobile-objective-archival-drawing-frank-lloyd-wright-min

David Romero mostra con i rendering 3D l’attrazione bocciata nel 1925 da un uomo d’affari di Chicago

Nell’autunno del 1924, Frank Lloyd Wright fu incaricato da Gordon Strong, uomo d’affari di Chicago, di progettare una spettacolare attrazione turistica sul Pan di Zucchero, una piccola montagna con uno splendido panorama sulla contea di Frederick, nel Maryland.

automobile-objective-archival-drawing-frank-lloyd-wright-min

Rendering 3D di David Romero, Disegni di Frank LLoyd Wright, Courtesy of The Frank Lloyd Wright Foundation Archives (The Museum of Modern Art | Avery Architectural & Fine Arts Library, Columbia University, New York). All rights reserved.

L’edificio avrebbe dovuto essere raggiungibile in automobile: l’industria dei motori viveva a quel tempo il suo boom in America e iniziavano a nascere mete perfette per chi amava spostarsi in macchina. Lloyd Wright realizzò il mandato di Strong e disegnò una sorta di ziqqurat circolare con rampe a spirale da cui si poteva godere una vista panoramica e, in cima, un planetario.

automobile-objective-archival-drawing-frank-lloyd-wright-min

Rendering 3D di David Romero, Disegni di Frank LLoyd Wright, Courtesy of The Frank Lloyd Wright Foundation Archives (The Museum of Modern Art | Avery Architectural & Fine Arts Library, Columbia University, New York). All rights reserved.

Con il senno di poi, quel disegno rappresenta un’anticipazione del tema che oltre trent’anni più tardi Lloyd Wright avrebbe sviluppato per il Guggenheim, rovesciando la spirale e definendo la forma iconica, passata alla storia, del museo newyorchese.

automobile-objective-archival-drawing-frank-lloyd-wright-min

Rendering 3D di David Romero, Disegni di Frank LLoyd Wright, Courtesy of The Frank Lloyd Wright Foundation Archives (The Museum of Modern Art | Avery Architectural & Fine Arts Library, Columbia University, New York). All rights reserved.

Tuttavia, quando l’architetto presentò il suo progetto l’anno dopo a Strong, l’imprenditore lo rifiutò adducendo per iscritto la motivazione che la struttura “non aveva alcuna relazione con il contesto” e insinuando che si trattasse di un plagio della raffigurazione storica della Torre di Babele.

automobile-objective-archival-drawing-frank-lloyd-wright-min

Disegni di Frank LLoyd Wright, Courtesy of The Frank Lloyd Wright Foundation Archives (The Museum of Modern Art | Avery Architectural & Fine Arts Library, Columbia University, New York). All rights reserved.

automobile-objective-archival-drawing-frank-lloyd-wright-min

Disegni di Frank LLoyd Wright, Courtesy of The Frank Lloyd Wright Foundation Archives (The Museum of Modern Art | Avery Architectural & Fine Arts Library, Columbia University, New York). All rights reserved.

Così il progetto è rimasto per quasi un secolo nel cassetto del maestro prima e negli archivi della fondazione che porta il suo nome poi. Fino a quando, pochi giorni fa, l’architetto spagnolo David Romero non lo ha realizzato sotto forma di rendering 3D realistici per l’ultimo numero della rivista Frank Lloyd Wright Quarterly, edito dalla fondazione dedicata a Lloyd Wright.

automobile-objective-archival-drawing-frank-lloyd-wright-min

Disegni di Frank LLoyd Wright, Courtesy of The Frank Lloyd Wright Foundation Archives (The Museum of Modern Art | Avery Architectural & Fine Arts Library, Columbia University, New York). All rights reserved.

automobile-objective-archival-drawing-frank-lloyd-wright-min

Disegni di Frank LLoyd Wright, Courtesy of The Frank Lloyd Wright Foundation Archives (The Museum of Modern Art | Avery Architectural & Fine Arts Library, Columbia University, New York). All rights reserved.

Spiega Romero: “Wright era riuscito a combinare in un unico edificio maestosità e gusto per il gioco. È un peccato che quest’opera non possa essere costruita. Se lo fosse, sarebbe una delle più celebri del maestro”.

automobile-objective-archival-drawing-frank-lloyd-wright-min

Rendering 3D di David Romero, Disegni di Frank LLoyd Wright, Courtesy of The Frank Lloyd Wright Foundation Archives (The Museum of Modern Art | Avery Architectural & Fine Arts Library, Columbia University, New York). All rights reserved.

Nella ziqqurat di Lloyd Wright avrebbero trovato spazio un migliaio di persone distribuite in un teatro con due piste da ballo, trenta camere da letto per gli ospiti, quelle per il personale, cucina, servizi e il planetario a cupola. Nella struttura si sarebbe entrati in auto percorrendo la rampa in senso orario e la rampa stessa sarebbe culminata in un tetto aperto con giardini e vista panoramica.