Un giradischi è per sempre. Il design circolare secondo Bang & Olufsen - CTD
menu
Redazione Cieloterradesign

22 Settembre 2020

Un giradischi è per sempre. Il design circolare secondo Bang & Olufsen

Share:

Il progetto Classics per rilanciare pezzi usati con decenni di storia. “Perché la vera sostenibilità è prolungare la durata delle cose”

Si fa un gran parlare di design circolare, negli ultimi tempi. E’ il design che nasce dalle istanze della circular economy, ovvero l’approccio a una progettazione che evita l’impiego di fonti fossili per la produzione, punta alla fabbricazione di oggetti con pezzi sostituibili, smontabili e riciclabili e, soprattutto, mira a mettere al mondo cose che durino il più a lungo possibile. Tra tutti i requisiti della circolarità è infatti la durevolezza quello forse più strategico: innanzitutto perché ciò che dura a lungo ha un valore intrinseco maggiore e finisce in discarica il più tardi possibile. E poi perché un mobile o un vestito che si tramandano nel tempo sono un invito a consumare meno e a consumare meglio, e dunque a ridurre l’impatto dei nostri stili di vita sull’ambiente.

Per questo è un’ottima notizia quella che arriva dai 3 Days of Design di Copenaghen, dove Bang & Olufsen ha presentato Classics, il progetto pilota che mira a rinnovare, rigenerare e ricreare alcuni dei prodotti storici più iconici dell’azienda.

“Nel nostro progetto pilota, stiamo esplorando uno dei principi della struttura dell’economia circolare, il Design for Longevity, con l’obiettivo di preservare l’eredità e il valore di alcuni dei nostri prodotti più iconici dei decenni precedenti. Le persone continuano a utilizzare e a mostrare  con orgoglio i prodotti Bang & Olufsen 25, 35 e anche 45 anni dopo la loro creazione, il che è piuttosto unico nel nostro settore”, dice Mads Kogsgaard Hansen, product manager del marchio danese a capo del progetto Classics. “Esplorare e comprendere come estendere il ciclo di vita e l’importanza dei prodotti audio che le persone già apprezzano ci aiuta a definire principi basati sull’evidenza legati alla durabilità emotiva, all’artigianalità durevole, all’obsolescenza della connettività e al design senza tempo, che ha benefici ambientali anche per i nostri prodotti futuri”.

Il primo prodotto a essere rilanciato nell’ambito del progetto Classics è il giradischi Beogram serie 4000, progettato nel 1972 da Jacob Jensen con l’idea di dar vita a uno strumento che fosse in eguale misura senza tempo e all’avanguardia nelle sue prestazioni tecniche, pur mantenendo l’estetica Bang & Olufsen. Il risultato è stato un giradischi a controllo elettronico che ha reso più facile la riproduzione di dischi avvalendosi delle tecniche più avanzate: ad esempio, il braccio tangenziale elettronico del pick-up, che muovendosi in un angolo piatto dalla fine del giradischi ha sempre riprodotto il disco con l’angolazione corretta – quella con cui è stato creato in fabbrica – e che lo ha anche reso più “a prova di ballo” di qualsiasi altro giradischi sul mercato in quel momento.

Stiamo esplorando uno dei principi della struttura dell’economia circolare, il Design for Longevity, con l’obiettivo di preservare l’eredità e il valore di alcuni dei nostri prodotti più iconici dei decenni precedenti. Le persone continuano a utilizzare e a mostrare  con orgoglio i prodotti Bang & Olufsen 25, 35 e anche 45 anni dopo la loro creazione, il che è piuttosto unico nel nostro settore

Bang & Olufsen esplora da tempo come rinnovare, rigenerare e ripensare i giradischi Beogram serie 4000, il cui lancio è previsto nel corso di quest’anno in edizione limitata. I prodotti originali sono stati identificati, inviati alla produzione e al laboratorio dell’azienda a Struer, dove vengono accuratamente smontati e ispezionati manualmente. Ciò che segue è un accurato rinnovamento e rigenerazione della meccanica in movimento e delle parti elettroniche per garantire che il prodotto possa integrarsi con la tecnologia attuale in una casa contemporanea.

Secondo Mads Kogsgaard Hansen, i nuovi giradischi avranno elementi di design aggiuntivi che non erano presenti sulla serie originale Beogram 4000: “Ogni singola parte del processo di rinnovamento viene eseguita a mano, con un altissimo livello di maestria e attenzione ai dettagli. Durante questo processo, i nostri ingegneri e designer hanno presentato idee originali che reinventano alcuni elementi del giradischi, rimanendo fedeli all’intento progettuale originale”.

LEGGI ANCHE ZANOTTA, LA SVOLTA GREEN DELLA SACCO 

LEGGI ANCHE JANNELLI & VOLPI, LA CARTA DA PARATI DIVENTA DESIGN CIRCOLARE