Dose, il talent per car designer   | CieloTerraDesign
menu

Dose, il talent per car designer  

Share:

Il progetto di Fabio Ferrante: scouting sul web per mettere in luce i creativi

Il web come piattaforma di scouting. Si chiama Dose, acronimo di Design open source experiment, ed è un’opportunità per i designer che abbiano voglia di cimentarsi in un progetto collettivo che potrebbe sfociare in prototipi per grandi marchi.

Dose nasce da un’idea di Fabio Ferrante, designer italiano di stanza a New York, dove ha fondato lo studio LightNYC, e noto youtuber: sul social posta filmati, seguitissimi, in cui va alla scoperta delle architetture della Grande Mela.

La community

Dose è una community open-source che vuole dare la possibilità di creare progetti interamente online senza alcun fine di lucro.

“Partecipare a Dose” spiega Ferrante “è un’opportunità per ampliare il proprio portfolio e mettere in mostra le proprie skills. L’obiettivo principale, infatti, è dare visibilità ai partecipanti e condividere idee stilistiche e comunicative grazie ai social media. Periodicamente verranno lanciati dei progetti e per parteciparvi bisognerà per prima cosa essere parte della community, iscrivendosi, e, successivamente, condividere le proprie idee. A ogni candidato verrà richiesto di caricare le proprie proposte sulla pagina ufficiale di Dose”.

Il progetto guida e le fase progettuali 

Ecco come funziona Dose. Fabio Ferrante e il suo official team avviano un progetto di car design, quindi la community viene invitata a partecipare per poter far parte del selected team che completerà il progetto, guidato settimanalmente dalla squadra ufficiale.

Saranno proposti diversi settori creativi, per ognuno dei quali sarà scelta la proposta di stile da inserire nel progetto guida. Ogni dettaglio potrà essere creato da zero dalla community. Si potrà in pratica partecipare per l’exterior design, per l’exterior details design, per l’interior design (i macro componenti degli interni dell’auto: plancia, sedili, volante), per l’interior details design (i dettagli più piccoli ma non meno importanti: strumentazione, pulsanti, bocchette).

E poi ancora per logo & graphic design, 3D Animation Design (a progetto ultimato verrà realizzata un’animazione della vettura) e per una digital marketing campaign che simulerà il lancio ufficiale della vettura. Per ciascuna di queste fasi sarà indetto un mini contest che porterà alla scelta del selected team.

La scelta del selected team

La selezione si articolerà in cinque fasi e sarà la community stessa a decidere quali proposte avanzeranno e quale sarà la vincitrice finale, per ogni categoria, che verrà sviluppata nel progetto finale. La prima fase è l’invio delle proposte sulla pagina ufficiale Dose. Raccolte le proposte in gara, sarà creata una galleria apposita con tutte le immagini. A quel punto inizierà la fase di voto, attraverso i like: le immagini potranno essere condivise sulle proprie bacheche a patto che vengano rispettate le regole di pubblicazione. Le proposte con più like approderanno alla semifinale. Per scongiurare il rischio che il giudizio “popolare” scarti proposte valide, è previsto una sorta di voto di “ripescaggio” delle proposte considerate meritevoli da Ferrante e dai partner tecnici.

Le semifinali 

Le proposte approdate in semifinale verranno valutate da Fabio Ferrante e dall’official team. I criteri di scelta saranno in funzione della coerenza progettuale rispetto alle linee guida date inizialmente e all’originalità delle proposte arrivate in questa fase. Il team ufficiale selezionerà tre finalisti per ogni categoria e tutti i prescelti saranno pubblicati sulla pagina Fabio Ferrante Design prima e condivisi, poi, su quella ufficiale di Dose per l’inizio delle finali.

Ultimo voto

Le proposte finaliste saranno votate di nuovo tramite like. Le immagini potranno essere condivise liberamente in modo da ottenere più visibilità e preferenze. Per ogni categoria verrà sancito un vincitore. Il creatore della proposta vincitrice entrerà a far parte del selected team guidato da Fabio Ferrante che, da design director, supervisionerà con gli altri membri del team ufficiale la creazione virtuale delle proposte di stile, le grafiche e le campagne video e di comunicazione digital.

La partnership 

La prima partnership importante è con Newcast services, che realizzerà un modello in scala della proposta finale che vedrà la luce grazie alla community, ma altre sono già state definite nel frattempo, spiega Ferrante: “Puritalia,  produttore di auto sportive in piccola serie basate su design italiano e costruite rigorosamente a mano con tecniche e qualità artigianale, utilizzerà Dose come workshop area. Sono poi in arrivo altre due collaborazioni ancora da ufficializzare. Dose rimane un workshop aperto a tutte le aziende che, come Puritalia, vogliono affiancare il proprio nome a questa iniziativa giovane e fresca, stimolando i giovani e la loro creatività e dando loro dimostrazione che il talent scouting, quello vero, esiste ancora”.

Ma come si gestisce una community in cui non mancherà chi si sente arrivato quando invece ha ancora moltissimo davanti?  “Molto semplice” risponde Ferrante: “Chi si sente arrivato, parla. In Dose, invece, si crea. Puoi parlare quanto vuoi, ma tutti ascolteranno solo ciò che sei in grado di fare, dimostrandolo. E dimostrandolo a me, che di chiacchiere ne sento tante”.

La visibilità, poi, aggiunge Ferrante, non mancherà. “Io stesso sono partito così, con progetti personali che hanno avuto una vetrina e credito online. Quello che ho dovuto sudarmi io da ragazzo, ora voglio metterlo a disposizione dei giovani d’oggi che potranno avere un’opportunità in più per creare un portfolio professionale”.