Elogio della Ferramenta, tutto il design passa da qui | CTD
menu
Antonia Marmo

24 luglio 2018

Elogio della Ferramenta, tutto il design passa da qui

Share:

Sugli scaffali di un negozio che chiude l’anima delle nostre case e della nostra creatività

 

Macramè è l’antico merletto italiano, manufatto di incontro con la tradizione araba, eseguito con una serie di nodi che formano insieme disegno e sfondo. Su Cieloterradesign, Macramè sono le visioni laterali, le storie di cose e persone e gli intrecci raccontati da Antonia Marmo, esperta in comunicazione del design.

 

Il luogo è di quelli dove entri per una cosa, che ti serve, che di sicuro ce l’hanno, e poi ti perdi in rivoli di deviazioni, incroci di occhi e mani e nessuna necessità.

Il luogo sembra la tua casa in forma di cassetti e ripiani moltiplicati, in serie di cose, variazioni di variazioni, universi di possibilità. Da qui di sicuro sono passati il progetto e la trasformazione della materia e anche il decoro, l’aggiustaggio, la messa a punto, il necessario e l’accessorio di ogni vita. Sì sì, anche il design è stato qui!

Passo davanti alla vetrina e leggo che il luogo chiuderà a giorni, e accidenti, è vero, hanno già portato via l’insegna, anche se la scritta si legge ancora nell’ombra del tempo lasciata dalle vecchie lettere al neon appena divelte. F E R R A M E N T A.

Ultimi lampi, signore e signori, ultimo viaggio per chi sa ancora vedere e cercare, tutto scontato al 70 per cento, poi chiedete all’algida rete o al venditore esperto della organizzatissima grande catena, efficientissimi loro, senza sporcarvi le mani e il cuore!

Da qui sono passati il progetto e la trasformazione della materia e anche il decoro. Sì, anche il design è stato qui!

E io un giro lo voglio ancora fare, anzi, dovrebbe essere obbligatorio per tutti fare un giro in una Ferramenta Come Si Deve, passarci qualche ora, come al museo. Anzi, a ben vedere, con un po’ di sano e curato ribaltamento di piani e categorie, tra comunicazione e creatività, questo luogo, che ora chiude perché non fa più i numeri, potrebbe trasformarsi in nuovi spazi di esperienza, incontro di idee, ricerca.

Le cose e le materie, meglio se non aggiornate, meglio se ferme ai vecchi fondi di magazzino, potrebbero risultare veri tesori feticcio da cui ripartire per costruire nuove scene dell’abitare, quelle fuori standard, quelle fuori dalle mode, quelle che poi hanno ancora la capacità di farci sentire che quella casa è nostra e solo nostra.

Da questi tesori feticcio si potrebbe ripartire per costruire nuove scene dell’abitare, fuori standard e fuori dalle mode

Me ne esco portandomi via, per una manciata di euro, delle maniglie di giada a coppa anni Cinquanta, lime tedesche in scatole rivestite di splendide carte illustrate come scrigni di gioie, tre set di bicchieri da bagno di plastica colorata Made in Italy firmate da un noto designer giapponese, e tutta la meraviglia di essermi ancora una volta potuta perdere. Sul fondo il pensiero un po’ triste che se domani… purtroppo no, la Ferramenta ha chiuso.