Giovane, nomade e hi-tech, il Fuorisalone al Tortona District | CieloTerraDesign
menu

Giovane, nomade e hi-tech, il Fuorisalone al Tortona District

Share:

Guida agli oltre 180 eventi nella zona di Porta Genova. E i nostri suggerimenti su cosa non perdere assolutamente

Ci siamo. Anche la Tortona design week è pronta a partire. In una Milano che parla di design – e fa design – tutto l’anno, il circuito storico a due passi da Porta Genova si appresta a spalancare le porte dei suoi oltre 180 eventi, in una zona dove da tempo si incontrano moda, cultura e sperimentazione a ogni livello.

E’ proprio in Porta Genova, di fianco alla passerella Biki presso il Fondo Corsa, che sarà allestita una grande mostra aperta alla città in cui saranno esposti “5 scenari” per Milano, realizzati dai cinque studi di architettura che hanno partecipato al workshop dello scorso dicembre sul futuro degli scali ferroviari cittadini. Dal 4 al 9 aprile, ogni sera – fatta eccezione per il 6, giorno del dibattito sulle proposte – sarà presentato un progetto diverso.

Continuando a percorrere via Tortona, potrete immergervi nel cuore del district, incontrando uno dopo l’altro gli spazi che da sempre caratterizzano quest’area. Al numero 27, Superstudiopiù, gigante del Fuorisalone, si fa portavoce di colore, energia e sperimentazione. Sono questi i cardini del Superdesign Show, che dal 2000 ospita i nomi di importanti brand e designer. Sarete accolti da un’installazione di Patricia Urquiola per 3M e potrete apprezzare industrial design, art design, artigianato d’autore, tecnologia a tutti i livelli e in ogni campo, dal tessile, alla decorazione, passando da una contaminazione con la tradizione all’altra.

Con Discovering: people&stories conoscerete le novità tra artigiani, autori, creativi giovani ed indipendenti, selezionati in tutto il mondo, mentre Selected Objects strizzerà l’occhio alle piccole e medie aziende. Tra le novità di quest’anno, da segnalare anche la presentazione da parte di AGC Asahi Glass, azienda giapponese produttrice di vetri altamente tecnologici, del progetto sensoriale Touch che mette in mostra la percezione tattile del vetro. Tutte le opere in vetro presentate nell’installazione sono sensibili al tatto, consentendo così allo spettatore di farle oscillare, suonarle come strumenti musicali e colorarle.

Plaque tournante di molti eventi ed espositori è l’Opificio 31, in via Tortona 31. Qui vedrete tornare Stellar Works, brand di design nato in Asia, con l’installazione House Within A House che riproduce l’interno di un’abitazione nella quale sono collocate le nuove collezioni di arredo di Neri&Hu, direttori creativi del marchio, Space Copenhagen, Yabu Pushelberg e Crème, che fanno del dialogo tra Oriente e Occidente il caposaldo della loro produzione. Accanto a Stellar Works, troverete il design nordico di Vestre, azienda norvegese produttrice di complementi d’arredo per parchi e spazi pubblici all’aperto, che ha allestito Nordic life in urban spaces, dove l’arredo urbano rinascerà in chiave ecologica e creativa.

Fate poi un salto nel popup store +D &SOIL , lasciandovi affascinare dalla semplicità con cui gli oggetti che ci circondano possono essere tradotti in design, prima di farvi travolgere dall’eposizione del Design Collective, dove le aziende Deesup, Ecoplen, ExtroVerso, Dekora Design, Chendù, Ama e MakeaSplash mostreranno le tendenze della piccola impresa dedicata al design con artigianato made in Italy, progetti ecosostenibili e nuove startup.

Gli appassionati di moda potranno vedere le proposte della galleria collettiva Coontemporarymood, tra progetti individuali, installazioni e talk sui temi di architettura e design. La maggior parte degli articoli esposti potranno essere acquistati. Già il 3 aprile – sempre in via Tortona 31 – verrà svelato il nuovo setting dello spazio di Archiproducts Milano, la piattaforma di aggregazione per architetti, brand e designer, che proporrà oltre 200 nuovi prodotti e 40 partners, sempre in un’ottica di condivisione e contaminazione. Arrivano in città le due nuove vetrine di via Tortona con cui Archiproducts Shop non è più solo piattaforma online, ma design a portata di mano. Potrete visitare il nuovo spazio e contemporaneamente vivere la Design Experience, dove i grandi protagonisti della cultura nazionale e internazionale si confronteranno sulla pratica del disegno.

Sempre in via Tortona, al numero 33, l’installazione Milano Next sarà interamente dedicata alla città. Allestita da Domus, è l’estensione della guida Domus Urban Stories Milan e dà spazio a testimonianze del mondo della cultura, dell’architettura e del design, tra cui quelle di David Chipperfield, Naoto Fukasawa e Jacques Herzog.

Protagonista del progetto Mini Living, presso la Torneria e Carrozzeria in via Tortona 32, è un lifestyle sostenibile ed ecologico, con proposte innovative, diverse rispetto a uno stile di vita convenzionale, che mostrano come l’architettura possa essere la risposta creativa alle sfide che si presenteranno in futuro. E’ in virtù di questo spirito che lo studio newyorkese So-il realizza un’installazione che propone un nuovo – e più etico – modo di vivere, improntato all’utilizzo delle risorse in modo eco-friendly.

Altro crocevia di esperienze è lo spazio BASE Milano, in via Bergognone 34. Ad accogliere i visitatori, The Hello Bench, una panchina speciale, dove si accorciano le distanze tra persone, dando la possibilità di creare una connessione. E’ la nuova visione di un oggetto che per antonomasia divide e crea diffidenza, un’idea nuova che mira a sconfiggere l’indifferenza che ognuno di noi si trova a vivere ogni giorno. Sempre a BASE si potrà partecipare a Manifattura 4.0. The challenge for the future of Italian companies: laboratori, convegni, incontri B2B mostreranno come le imprese italiane affrontano la sfida dell’industria 4.0, tra nuova manifattura e innovazione. Ci sono anche il progetto di Moleskine dedicato alla relazione tra due oggetti nomadi per antonomasia, zaino e taccuino, e l’installazione immersiva e interattiva di Samsung commissionata allo studio Zaha Hadid Architects e all’acclamato collettivo di arte e design digitale Universal Everything.

Design e nuove tecnologie sono i protagonisti anche di Design Nomade, dove troverete oggetti che rispondono ai nuovi bisogni di esistenze flessibili, analizzando gli impatti che si hanno su forme, materiali e modi di progettare. Tra i lavori esposti, l’installazione Forms of turmoil a cura di raumlabor.

E se siete stanchi o la fame si fa sentire, passate in via Savona 37, troverete specialità italiane ed internazionali servite dai migliori food truck del Tortona Bites. Lo spirito della Tortona Design Week si respira, ancora, nello spazio Savonaup, con l’eccellenza progettuale e produttiva di Stilnovo, laboratorio e fucina di idee, il cui percorso è stato segnato da nomi come Achille e Pier Giacomo Castiglioni, Roberto Beretta e Gae Aulenti.