I pattern dei samurai per fare uniche le nostre case - CTD
menu
Paolo Casicci

17 aprile 2019

I pattern dei samurai per fare uniche le nostre case

Share:
dnp-fuorisalone-pattern-ventura-centrale

Arriva in Italia Dnp, il brand giapponese che ha conquistato Ikea e Kengo Kuma: “Stampiamo su tutto, tranne che su acqua e aria”

Tecnologia, emozione e il desiderio di uno spazio sempre più personalizzato. Mondi e strumenti un tempo lontanissimi che definiscono insieme una gamma di possibilità quasi infinite per la grande e la piccola scala, l’architettura, il retail e la casa.

dnp-fuorisalone-pattern-ventura-centrale

Nella foto di Claudio Grassi, l’installazione Patterns of Nature di Noiz per Dnp a Ventura Centrale.

Una dimostrazione brillante è arrivata all’ultima Milano Design Week nel tunnel di Ventura Centrale dove l’azienda giapponese Dnp ha messo in scena la doppia installazione Patterns as Time con i designer AtMa e Noiz. Un percorso optical, ipnotico, realizzato con tecnologia all’avanguardia – per esempio l’e-paper – ma che trae ispirazione per la grafica dalla natura e dalla tradizione degli abiti dei samurai del periodo Edo, conservata in banche dati di decorazioni tramandate nei secoli.

Il risultato è un ambiente futuristico eppure familiare, fluttuante e in divenire, uno spazio che dà l’ispirazione a ciascuno per definire il proprio contesto e che ha dunque enormi potenzialità nel campo del retail e dell’interior design, alimentando il sogno, molto attuale, di negozi, case e stanze tutti diversi gli uni dagli altri.

dnp-fuorisalone-pattern-ventura-centrale

Nella foto di Claudio Grassi, l’installazione Patterns of Nature di Noiz per Dnp a Ventura Centrale. A sinistra, Time Printing di AtMa

Dnp è la dimostrazione di come si può partire da molto lontano e attraversare un secolo e mezzo di storia, esattamente 143 anni, sviluppando un design contemporaneo e mantenendo ben salde le radici nella tradizione. L’azienda nasce infatti come una tipografia nell’Ottocento, per poi accompagnare la storia del Giappone con le sue innovazioni tecnologiche. Innovazioni che, col tempo, le hanno permesso di diventare il principale fornitore di superfici stampate – inclusi rivestimenti per grandi superfici e l’architettura – per Ikea e per architetti e designer di fama internazionale come Kengo Kuma e Marcel Wanders.

LA LEGGE DEI PATTERN CHE GOVERNA IL MONDO

Dnp era per la prima volta a Milano per dare un messaggio preciso: qualsiasi superficie, tranne l’acqua e l’aria, è stampabile.

dnp-fuorisalone-pattern-ventura-centrale

Nella foto di Claudio Grassi, l’installazione Time Printing di AtMa per Dnp a Ventura Centrale.

L’ultima evoluzione di questo gigante da quattordici miliardi di fatturato l’anno e con un centro di design che conta cinquanta ricercatori, era raccontata proprio dalla doppia installazione milanese. La prima, Patterns of Nature di Noiz, sfruttava l’e-paper, ovvero la tecnologia progettata per imitare l’aspetto dell’inchiostro su un foglio, strumento che a differenza di uno schermo a cristalli liquidi riflette la luce ambientale come la carta e dunque è perfetto per superfici e tessuti ondulati come le tende utilizzata nel tunnel milanese.

La doppia installazione a Ventura Centrale durante la Milano Design Week ha raccontato al pubblico le potenzialità di un’azienda con 143 anni di storia, che unisce la tecnologia alla tradizione dei disegni storici sugli abiti dei samurai

Dnp e Noiz hanno stampato sull’e-paper i motivi della sedia Zebra con pattern in bianco e nero Turing, in perfetto camouflage con lo sfondo, e dello sgabello Jellyfish, che cambia gradualmente colore come creature marine che respirano lentamente.

dnp-fuorisalone-pattern-ventura-centrale

Nella foto di Claudio Grassi, l’installazione Time Printing di AtMa per Dnp a Ventura Centrale.

L’altro allestimento, Time Printing di AtMa, era invece un omaggio ai vestiti dei samurai dell’epoca Edo, a cui sono ispirate le grafiche impresse sui pannelli in vetro illuminati. “Per Time Printing abbiamo avuto accesso a una banca dati di motivi storici” spiegano Makoto Suzuki e Ayumi Koyama, i due AtMa, “per poi scegliere cinque matrici e riprodurle nell’installazione”. “La cultura non va soltanto preservata e custodita, ma anche utilizzata” dice Yasuji Kusumoto, general manager dell’Innovative Design Center di Dnp, “e queste nostre installazioni vogliono essere la dimostrazione di come tecnologia e storia procedono insieme”.

dnp-fuorisalone-pattern-ventura-centrale

La doppia instalazione Patterns as Time di Dnp a Ventura Centrale. Foto Claudio Grassi