Il design che conta | CieloTerraDesign
menu
Isabella Clara Sciacca

1 Febbraio 2017

Il design che conta

Share:

È un abaco l’opera di gioielleria architettonica realizzata a Toronto

 

Disegnato dallo studio di Jeff Goodman, esperto in soffiatura del vetro, il pannello Abaco del diavolo è stato creato come una versione su larga scala dell’antico strumento di conteggio. Nonostante le premesse, l’opera non ha, in realtà, niente a che vedere con esso, se non forse la fantasia, che abbiamo avuto tutti, di giocare spensieratamente con quelle perline in fila, infischiandocene allegramente dell’aritmetica.

Le perle di questo abaco di grandi dimensioni sono costituite da grandi capsule colorate di vetro soffiato. Situate all’interno di un telaio di legno, le aste verticali tengono più perle di vetro, che possono essere regolate in altezza. Il pezzo è stato installato nella vetrina della boutique-laboratorio Gioielleria del Diavolo sulla trafficatissima Queen Street West, durante il Toronto Design Offsite Festival, che ha avuto luogo dal 16 al 22 gennaio 2017, in concomitanza con l’Interior Design Show presso il Metro Toronto Convention Centre.

Gli elementi di vetro colorato sono stati progettati per integrare le gemme dei pezzi di gioielleria in vendita nel negozio. “Abbiamo immaginato il nostro schermo modulare Devil’s Abacus come un pezzo di gioielleria architettonica su misura, all’interno del negozio” ha detto Sylvia Lee, direttrice creativa dello studio Jeff Goodman “ma, data la sua altezza di 2,3 metri, è un contrappunto drammatico a bellissimi prodotti di piccole dimensioni”.

Lo schermo è pensato per dividere spazi residenziali e commerciali, creando un’area di grande decor e raffinatezza. L’abaco è disponibile in tutti i colori del vetro, con varie forme, in finitura lucida o opaca, diventando, così, una creazione altamente personalizzabile.

Il vetro colorato sembra continuare il suo trend positivo, dopo che ne avevamo visto l’ampia diffusione durante la Milano Design Week del 2016 in cui, tra i tanti interventi, Patricia Urquiola e i fratelli Campana avevano presentato mobili in vetro colorato trasparente fra i più rilevanti.