Il Bummulo Malandrino, la brocca di design che viene dal passato | CieloTerraDesign
menu

Il Bummulo Malandrino, la brocca di design che viene dal passato

Share:

L’omaggio alla Sicilia dei creativi di makethatstudio

Petra di makethatstudio è la reinterpretazione di un’antica brocca appartenente alla storia della ceramica araba e successivamente arrivata in Sicilia, dove ha preso il nome di Bummulo Malandrino.

L’oggetto nasce come contenitore di liquidi pregiati, quali olio o acqua, e arriva in Sicilia durante la dominazione Moresca (827 – 1091 d.C.). Il nome Bummulo Malandrino deriva dal suo ingegnoso funzionamento che prevede il riempimento dal fondo, grazie al quale preserva il contenuto da agenti esterni.

Oggi il contenitore viene realizzato nel distretto della ceramica di Caltagirone, dove ormai viene acquistato esclusivamente come un souvenir di viaggio. Makethatstudio e Improntabarre hanno voluto reinterpretare l’estetica di questa brocca, per creare un accessorio da tavola contemporaneo, ma che ben rappresenti la storia dell’isola siciliana, caratterizzata da innumerevoli contaminazioni culturali.

L’estetica di questo nuovo recipiente è nata studiando il Simeto, il principale fiume che attraversa l’Isola, la cui sorgente si trova nelle vicinanze di Bronte e che sfocia nel mar Jonio. Lungo il suo percorso sono riscontrabili molti resti della dominazione moresca.

Riconducendo la ricerca all’idea della preziosità dell’acqua dolce e potabile, sono state analizzate la morfologia e la geologia del letto del fiume, dal quale sono poi state recuperate e catalogate diverse rocce che definiscono le morbide forme di Pètra.

Durante la fase di ricerca è stato selezionato il campione di roccia (B) che per volume di contenimento, dimensione ed ergonomia fosse il più funzionale ai requisiti del recipiente d’acqua da tavola.

Pètra è disponibile in pezzi numerati, diverse varianti cromatiche e finiture. Il risultato della ricerca è un accessorio da tavola contemporaneo con una forte impronta organica, che fonde geografia locale e contaminazioni culturali.

Makethatstudio sono Nicola Russo e Dea Sgarbossa.  “Pètra è il primo risultato della nostra ricerca nel Mediterraneo, un bacino storicamente e culturalmente molto ricco, dal quale ci facciamo ispirare durante il processo creativo. Abbiamo scoperto dell’esistenza di questo oggetto tra le vie di Caltagirone e siamo subito stati incuriositi dal suo ingegnoso funzionamento che prevede il riempimento dal fondo con l’assenza di tappi”.

“Affidarsi alle competenze e alle conoscenze degli artigiani calatini ma nello specifico di Andrea Branciforti, fondatore di Improntabarre, è stato il punto fondamentale del processo produttivo. Infatti, tale iter progettuale ha dato vita ad uno scambio di esperienze, finalizzate alla creazione di questo oggetto ma in generale all’assunzione di un sistema di ricerca che stiamo continuando a portare avanti nei nuovi progetti frutto di una continua collaborazione tra Improntabarre e makethatstudio”.