La vereda colombiana di Marni, omaggio solidale all'artigianato | CieloTerraDesign
menu
Fabiana Carboni

1 Aprile 2018

La vereda colombiana di Marni, omaggio solidale all’artigianato

Share:

Il brand di moda allestisce alla Design week un villaggio creativo. Tra gioco, colori saturi e sperimentazione

 

L’anno scorso è stata una festa di colori, un omaggio all’artigianato attraverso un enorme playground di sabbia destinato ai bambini e zeppo delle creazioni di donne colombiane. Anche quest’anno Marni celebra la dedizione e il lavoro delle donne sudamericane allestendo nello spazio del brand per la Design week la riproduzione di una vereda in festa.

 

Las Veredas sono piccolissimi insediamenti urbani che si sviluppano intorno a una o due strade o ad agglomerati di case, dando vita a piccole comunità rurali, all’interno delle quali ogni persona costituisce un punto di riferimento per gli altri e in cui la condivisione e il saper fare diventano protagonisti della vita quotidiana. La Vereda di Marni è un luogo in cui colori, sapori e folklore fanno da sfondo alla nuova collezione di arredi e accessori del brand che quest’anno si arricchisce di nuove lavorazioni e materiali. Sedute dalle forme inedite, schienali che si aprono in suggestive code di pavone o prendono le sembianze di uccellini.

 

Le trame di pvc intrecciato, materiale scelto perché povero e versatile, lasciano talvolta spazio a una nuova tessitura che richiama le lavorazioni a telaio per dar vita a disegni sinuosi, in aggiunta alle classiche righe e ai più lineari motivi geometrici. L’artigianalità, da sempre tratto distintivo dei progetti di Marni legati al Salone del Mobile, quest’anno si esprime attraverso più collaborazioni con comunità di zone diverse della Colombia che portano a Milano le loro tradizioni che Marni reinterpreta con il suo approccio ludico e sperimentale. Il risultato è una serie di oggetti che si aggiungono ai complementi di arredo: le galline in cartapesta e perline fatte a mano da una comunità di donne di Villanueva, nel dipartimento di Casanare, veri e propri pezzi unici frutto ciascuna del lavoro di quattro  giorni.

I cesti ottenuti intrecciando i gambi e i rami di salice, una tradizione secolare che si tramanda di padre in figlio nell’antica città di Ibagué, nella regione di Tolima, vengono rivisti nella costruzione: per la prima volta gli artigiani
uniscono all’intreccio del midollino dei fili di plastica colorata. Le donne di Curitì nel distretto di Santander, lavorano a mano l’agave per ricavarne una fibra tessile 100 per cento organica e molto resistente con cui realizzano borse che Marni stampa a blocchi di colore saturi. E infine accolgono il visitatore le coloratissime amache in cotone tessuto a telaio, eredità delle comunità che popolano la costa atlantica del paese.

Ognuno di questi oggetti è fatto a mano con cura e contribuirà ad una causa molto speciale, come ogni anno il progetto del Salone del Mobile di Marni sostiene un progetto benefico rivolto all’infanzia, parte del ricavato proveniente dalle vendite dei prodotti finanzierà il progetto La casa sull’albero, promosso da Piccolo Principe S.C.S Onlus (www.piccoloprincipe.va.it), per dare sostegno ai minori e alle famiglie che intraprendono il cammino dell’adozione e dell’affidamento nella provincia di Milano.

Scarica il Media Kit

Il tuo webmagazine sul design e l'architettura. Raccontiamo storie che arrivano da sentieri poco battuti. Offriamo visioni laterali su personaggi e temi d’attualità

Download

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Dichiaro di aver letto ed accettato l'informativa sul trattamento dei dati personali
X
iscriviti alla newsletter