La lezione di design del caffè cinese da 24 metri quadrati - CTD
menu

10 settembre 2018

La lezione di design che arriva dal caffè cinese di 24 metri quadrati

Share:
Infinity_Nide_jpg_Coffee-barista

Niente tavoli e sedie: un’aura quasi sacra circonda il barista del .jpg di Guangzhou

Come organizzereste uno spazio minimo, intorno ai 20 metri quadrati, se doveste utilizzarlo per allestire un bar o un locale dedicato alla ristorazione? Molto probabilmente cerchereste di sfruttare ogni centimetro per far entrare più sedie e tavoli possibile, o comunque in modo da permettere al numero massimo di clienti di trovare posto all’interno.

Infinity_Nide_jpg_Coffee

.jpg, il caffè di Guangzhou

In direzione opposta (e con coraggio) è andato invece lo studio Infinity Nide che ha curato il progetto del caffè .jpg a Guangzhou in Cina. Gli interior hanno così dato vita a un locale minimale, dall’atmosfera rarefatta e intima, che annulla le distanze tra il barista, il bancone e il cliente e proietta quest’ultimo in un rituale da vivere fino in fondo, dal momento dell’ordinazione a quando si va via dal bar con in mano la bevanda take-away.

L’obiettivo, spiegano non senza poesia i designer dello studio che hanno curato il progetto, Wu Ruimin e He Longpan, “era scaldare il cuore del cliente eliminando il senso della distanza dal barista”, e dunque cambiando in positivo la percezione della routine quotidiana tra casa e ufficio o tra un appuntamento di lavoro e un altro.

Infinity_Nide_jpg_Coffee-ingresso

.jpg, il caffè di Guangzhou

La prima cosa che salta agli occhi in .jpg è la facciata gialla del locale: “Volevamo che fosse come un faro in mezzo alla giungla di cemento” spiega a Frame Wang Xiaowen, direttore creativo dello studio di design che ha realizzato il bar.

Infinity_Nide_jpg_Coffee-interno

.jpg, il caffè di Guangzhou

All’opposto, gli interni del locale ispirano calma e serenità con pareti e soffitti completamente coperti da legno di recupero – pino riciclato proveniente dal cantiere – sovrapposti e incrociati, resi scuri attraverso un processo di carbonatazione.

La luce filtra e viaggia nel locale attraverso gli spazi vuoti della composizione in legno della parete, circondando il barista e il bancone in cemento di un’aura quasi sacra. Un bel paradosso: utilizzare un locale che vende caffè da asporto – simbolo della frenesia urbana – per infondere un senso di pace e quasi di antico.

Infinity_Nide_jpg_Coffee-barista

.jpg, il caffè di Guangzhou