Lorenzo Palmeri, il design è un'orchestra - CTD
menu

19 ottobre 2018

Lorenzo Palmeri, il design della musica e la musica come design

Share:
lorenzo_palmeri-design_orchestra-paraffina

Chitarre, dischi e fischietti: la prima personale del meno incasellabile tra i talenti italiani

Designer, musicista o ricercatore? Tutto questo, ma anche di più. Difficile incasellare il talento di Lorenzo Palmeri, cresciuto alla scuola di Bruno Munari e Isao Hosoe con cui ha collaborato per diversi anni.

lorenzo_palmeri

Lorenzo Palmeri, foto di Max Rommel

Palmeri, che ha progettato di tutto, dalle abitazioni alle chitarre, dalle lampade ai vasi fino ai cioccolatini, arriva in Lussemburgo a inaugurare la sua prima mostra personale, Design Orchestra, al Design City LX Festival organizzato dal Mudam. La curatela è di Marco Sammicheli, che spiega: “La ricerca di Palmeri intorno alla musica e al design incrocia questioni antropologiche e si traduce nell’abilità plastica di trasformare un’idea dinamica in un progetto complesso. Le note, le sonorità e gli strumenti musicali sono rispettivamente elementi e campi d’azione dove narrazioni e materiali si fondono in preziose infrastrutture di relazioni”.

lorenzo_palmeri-design_orchestra-sant_erasmo

Sant’Erasmo, una Raganella o Tric Trac, strumento musicale, precisamente un idiofono, non intonato, Pieces of Venice, 2017

lorenzo_palmeri-design_orchestra-udu

Sistema di strumenti a percussione che nasce dallo studio del processo di produzione dei modelli in prototipazione rapida (Skorpion engineering, 2018)

Design Orchestra diventa allora un saggio in forma di mostra che dispone e connette i talenti di Palmeri. Al Mudam, il designer e musicista presenterà anche, insieme a Lele Battista, alcuni brani del suo nuovo lavoro discografico La natura del parafulmine, in uscita a breve, mentre l’inaugurazione della mostra è in programma domenica 21 ottobre alla Galleria Simoncini.

lorenzo_palmeri-design_orchestra-navel

La chitarra elettrica Navel

È, appunto, dalla musica e dal suono che nasce il design degli oggetti in mostra. Si tratta di strumenti musicali (chitarre e percussioni), oggetti speciali e progetti discografici. C’è la chitarra elettrica Navel per MSD, del 2018, che nasce da una profonda ricerca su suono, gesti e materiali. Paraffina slapster, per Noah, 2006, è un’altra chitarra elettrica, arrivata anche a Lou Reed che le dedicò la copertina del libro The Lou Reed Songbook. Udu è un sistema di strumenti a percussione che nasce dallo studio del processo di produzione dei modelli in prototipazione rapida (Skorpion engineering, 2018), Moai sono vasi ma anche campane eoliche, suonate dal vento o, a piacere, con un percussore (Citco, 2018).

lorenzo_palmeri-design_orchestra-fiskio

Fiskio, serie di fischietti omaggio ai grandi architetti, MSD, 2011

E poi Mallet’s Family, percussori in canapa, Tapa, una variante in metallo del cajon, percussione che si suona principalmente con le mani, seduti a cavalcioni dello strumento stesso (Niva, 2018).

lorenzo_palmeri-design_orchestra-corista

Corista, pannello fonoassorbente, Caimi Brevetti, 2013

In mostra anche alcuni oggetti speciali, dal fischietto-souvenir Fiskio, omaggio ai grandi architetti e alla grande architettura (MSD, 2011), al pannello fonoassorbente Corista, elemento per la modulazione del suono, inizialmente pensato per un’utenza specializzata, poi declinato in altri ambiti (Caimi Brevetti, 2013).

lorenzo_palmeri-design_orchestra-araldo

La tromba in vetro Araldo strumento a fiato di antichissima tradizione appartenente alla famiglia degli ottoni, Valcucine, 2018

Ancora, la tromba in vetro Araldo, strumento a fiato di antichissima tradizione appartenente alla famiglia degli ottoni (Valcucine, 2018), Sant’Erasmo, una raganella o tric trac,  un idiofono non intonato (Pieces of Venice, 2017). E, infine, le copertine di Preparativi per la pioggia (2009), Erbamatta (2014), La natura del parafulmine (2018).

lorenzo_palmeri-design_orchestra-erbamatta

La copertina di Erbamatta

lorenzo_palmeri-design_orchestra-moai

Vasi, ma anche campane eoliche, suonate dal vento o, a piacere, con un percussore (Citco, 2018)