Martí Guixé: se ancora usiamo la plastica, è perché non sappiamo fare food design - CTD
menu
Silvia Cosentino

21 novembre 2019

Martí Guixé: “Se ancora usiamo la plastica, è perché non sappiamo progettare il cibo”

Share:

Una chiacchierata a 360 gradi con il designer spagnolo. “Le stampanti 3D? Come il fax: sembravano il futuro, lo hanno ritardato”

Da anni, Martí Guixé sperimenta progettando il cibo. E, sperimentando, anche attraverso i bellissimi libri sul food design editi da Corraini, esercita una funzione critica. Eppure, questo designer spagnolo, uno studio a Berlino e un altro a Barcellona, dove è nato nel 1964, spesso in Italia con i suoi progetti (l’ultimo in ordine di tempo risale all’estate scorsa, ala Galleria nazionale d’arte moderna) non ama per se stesso la definizione di critical designer.

Che cosa vuol dire oggi, per Martí Guixé, essere un critical designer, e perché non si ritiene tale?

Anche se sono stato inserito in un gruppo e ho partecipato a una mostra classificata come Critical Design al Z33, non mi sono mai definito un critical designer. L’unica cosa che faccio è cercare costantemente di ridefinire la posizione e il ruolo del design in un mondo in continuo cambiamento. Nel 1997 rinunciare a progettare sedie e lampade era segno di una posizione critica, perché in quel momento e in quel contesto – e ancora oggi, del resto – progettare sedie e lampade era il lasciapassare per farti considerare un progettista ‘normale e conservativo’. Già nel 1997 ho capito che il futuro del design stava nell’oggetto commestibile, in un oggetto di consumo massivo, quotidiano, che sparisce con la digestione trasformandosi in energia. Il cibo, che non è mai stato visto come un oggetto, veniva percepito già come tale. Mettendolo al centro del progetto di design, il cibo diventa ergonomico e viene riformattato per essere più contemporaneo e per adattarsi al nostro stile di vita e non al contrario. La mia posizione non era critica, era solo contemporanea e conseguente.

marti_guixè-design-plastica-corraini

Digital Food, Museum für Kunst und Gewerbe di Amburgo, 2017

Mi hanno chiamato critical designer soltanto perché a un certo punto bastava non progettare sedie per essere considerati non convenzionali. Quando ho iniziato a mettere il cibo al centro del design, riformattandolo e rendendolo ergonomico, non ho fatto nessuna critica, ma assunto una posizione contemporanea e conseguente

Nel 2001 a Barcellona ha realizzato Foodwork, un progetto che metteva in relazione il cibo per il corpo e quello per la mente (le informazioni), creando un “supernutrimento” in parte tangibile e in parte no. Cinque anni dopo ha firmato l’allestimento Fake Food Park a Melbourne, stimolando i bambini a vedere nel cibo un gioco. Perché usa il cibo come strumento di indagine sociale?

La materia commestibile è interessante perché ha un’alta complessità da ogni punto di vista. Il mio interesse comincia nel 1995 e si consolida con la prima mostra nella Galleria H2o di Barcellona nel ’97, ormai ventidue anni fa. Negli anni Ottanta c’era molto interesse verso la Mass Production e il cibo tale è: produzione di massa, combinata con le nuove forme di vita che nascono a partire dall’arrivo prima del Pc e, dopo, di Internet. Questo crea nuove situazioni, una realtà alla quale il cibo tradizionale non si adatta. L’unione di design e cibo nel contesto delle nuove tecnologie degli anni Novanta è il mio punto di partenza per cominciare a lavorare su una serie di oggetti – che sono molto lontani dalla gastronomia e che anzi la negano – che sono forme artificiali di materia commestibile, quelli che io chiamo oggetti commestibili. Questi oggetti hanno anche la funzione di farci pensare e riflettere sulla nostra realtà e sulla tradizione, per esempio sulla ripetizione di atti banali, su quanto sia antiquato e obsoleto il mondo della gastronomia e i suoi rituali. Tutto ciò è implicito – in forma critica ma anche ottimista – nelle mie prime serie di food design, raccolte nei libri editi da Corraini, Food Designing. Ho sempre detto che non so cucinare e che non imparerò mai. Il progetto di design è un progetto del pensiero e non del fare, l’artigiano non ha niente a che fare con il designer, e perciò il cuoco non ha niente a che fare con il food designer. C’è sempre un laboratorio di cibo per bambini in cui ai più piccoli viene chiesto di fare qualcosa con le mani, per esempio un dolce semplice come yogurt con miele e noci, ma io credo che i bambini siano delle creature complesse e non vadano trattati in modo così elementare. Per esempio a Melbourne la mia proposta era quella di pensare il cibo e non di toccarlo. Pensare un progetto e solo dopo disegnare qualcosa che non esiste, che diventa un modello e che esisterà in futuro, è l’unica maniera di creare progresso per la società.

marti_guixè-design-plastica-corraini

Foodwork, 2001

Il progetto di design è un progetto del pensiero e non del fare, l’artigiano non ha niente a che fare con il designer, e perciò il cuoco non ha niente a che fare con il food designer. Perché ai bambini si fanno realizzare piatti semplici come yogurt con miele? I bambini sono essere complessi, andrebbero fatti cimentare con cose alla loro altezza

Nel 2017, con Digital Food al museo Museum für Kunst und Gewerbe di Amburgo, ha introdotto un argomento fondamentale, legato alla rivoluzione 5.0 del cibo. Un sistema di alimentazione che consente un controllo personalizzato della configurazione degli articoli commestibili, esercitato sui quattro campi con cui sono configurati questi alimenti digitali: nutrizione, principi attivi, costruzione e gastronomia. Il cibo viene interpretato questa volta come un materiale di innovazione al pari delle plastiche, la cui granulometria viene controllata dall’uomo in base alle esigenze prestazionali del materiale stesso. Che rapporto c’è a suo parere tra le plastiche e il cibo?

La relazione tra la plastica e il Digital food, progetto per la mostra Food Revolution 5.0, è solo metaforica, la plastica è un elemento che può acquisire qualsiasi forma e avere proprietà diverse a seconda della tipologia chimica, cosa che si verifica anche nel Digital food. Digital food è un progetto che chiude questi vent’anni in cui ho lavorato concettualmente su come si possono legare il design e il cibo. E’ un progetto speculativo che si basa su una stampante 3D la cui tecnologia non esiste. Lavorando a livello molecolare, si costruiscono gli elementi architettonici – strutture, contenitori… – che permettono per esempio di contenere altri stati materiali come liquidi o gas con temperature diverse. La composizione è definita attraverso tre parametri: uno sono i sensi – cioè il gusto, che è ciò di cui si occupa la gastronomia, ovvero creare un sapore che si piacevole – il secondo sono gli ingredienti attivi (gli ingredienti nel cibo fanno misurare a breve termine ciò che ingerisci). Il terzo è la texture, la consistenza: cioè la forma e la misura. C’è una quarta funzione che è la più importante nel cibo: la nutrizione. Ma questa avviene in forma automatica e la persona non se ne deve occupare, si misura in parametri del corpo e un algoritmo mette i nutrienti e le vitamine necessari perché tu stia perfettamente in salute. Per me è un progetto molto interessante perché nega la gastronomia e l’agricoltura che sono le basi dell’alimentazione tradizionale. E negando l’agricoltura (con la quale si definisce l’economia e quindi il capitalismo) nega il modello economico della nostra società e apre le porte a una nuova via che ancora oggi è sconosciuta.

marti_guixè-design-plastica-corraini

Sugar Cube per Alessi, 2010

Negare la gastronomia e l’agricoltura, che sono le basi dell’alimentazione tradizionale, vuol dire negare il capitalismo e aprire le porte a una nuova via che ancora oggi è sconosciuta

 

 

marti_guixè-design-plastica-corraini

Sugar Cube, disegni

Nel 2010, per Alessi realizza Sugar Cube, un contenitore per zollette di zucchero con la forma e le proporzioni di un grande cubo di zucchero. Materia e involucro, completamente trasparente, si fondono in un’unica forma, ricordando lo schema matematico del frattale. Quale è la sua posizione sulla plastica? Come mai aziende come Alessi proseguono con successo la loro sperimentazione con questo materiale?

Sugar Cube di Alessi è un oggetto abbastanza interessante perchè ha la forma di una zolletta di zucchero, e questo nega l’oggetto stesso. La plastica non è cattiva in sé e per sé, l’aspetto negativo è che la si usa e getta e non è biodegradabile. E questo vale per la maggioranza delle materie plastiche con cui si avvolgono i prodotti commestibili per questioni igieniche. Il che è un difetto di capacità di utilizzo: se la frutta, la verdura o un piatto necessitano di un involucro di plastica è perché quell’elemento commestibile non è stato progettato bene. Se in una sedia hai bisogno di una cuscino perché non è comoda, quello è un difetto di progetto, di ergonomia. Così come se hai bisogno di un cucchiaio per mangiare, anche in quel caso sei di fronte a un oggetto progettato male. Un buon oggetto commestibile non dovrebbe chiedere né posate né piatti, e dovrebbe avere lui stesso queste soluzioni in sé. Tornando a Sugar Cube, le zolletta di zucchero è un oggetto più di design che lo zucchero stesso, che ha bisogno di una zuccheriera.

 

marti_guixè-design-plastica-corraini

Ex Designer Project Bar, Barcellona, 2015

Se hai bisogno di un cucchiaio per mangiare, sei di fronte a un oggetto progettato male. Un buon oggetto commestibile non dovrebbe chiedere né posate né piatti, e dovrebbe avere lui stesso queste soluzioni in sé

Nel 2015, a Barcellona realizza l’Ex Designer Project Bar, uno spazio i cui arredi, in PLA, sono stati interamente stampati in 3D. Come mai la scelta di sfruttare una tecnologia solitamente impiegata per la prototipazione rapida in piccola scala per realizzare un bar?

Grosso modo dal 2010 in studio usiamo stampanti 3D per i prototipi, la cosa interessante è che il 3D democratizza la manifattura industriale e perciò abbiamo scelto le stampanti più semplici ed economiche e più comuni in tutto il mondo. Pensavo di fare un esperimento in forma di progetto e di creare uno spazio nuovo nello studio, con la funzione di un bar, dove tutto è fatto da noi: pareti, soffitto, bicchieri, calici. Il 5 novembre sono passati quattro anni da quando abbiamo inziato e ancora non abbiamo finito, l’idea era di fare il bar e poi trasformare la stampante in macchina 3D per fare il cibo. La mia conclusione è che questa tecnologia non funziona. Il 3D è come il fax: sembrava una rivoluzione ma alla fine ha ritardato di dieci anni internet. Arriverà prima o poi una tecnologia migliore, ma ancora non esiste. La stampante 3D, soprattutto per il cibo, funziona solo come video di teaser in internet, e in realtà non ha senso.

 

marti_guixè-design-plastica-corraini

L’allestimento Honour Cheap Furniture A.P. Chairs, alla Galleria Nazionale di Roma, è un tributo all’archetipica sedia bianca in plastica. Perché?

La Monobloc chair è un oggetto emblematico. La sedia di plastica funziona, è democratica e la maggior parte delle volte è brutta. Rappresenta un oggetto basico, la classe bassa delle sedie, per di più inquinante. Sparirà quando dalla nostra società spariranno le classi sociali. Honor cheap furniture è in prima istanza un modo di risolvere un problema. La Galleria non ha un auditorium, quindi raggruppando almeno dieci sedie Monobloc si crea un sistema per formare un auditorium in qualsiasi parte della Galleria. Ma oltre a questo è un elemento contemporaneo, perché la sua caratteristica è di essere incoerente e inopportuna. Attraverso la sua affermazione e le scritte acquisisce una soggettività, e perciò si articola nel mondo dell’arte e dialogando con il mondo dell’arte perde il suo valore iniziale che consiste nel non avere valore.