Moment Factory: l'aeroporto di Singapore diventa attrazione - CieloTerraDesign
menu

5 giugno 2018

Moment Factory, il design trasforma l’aeroporto in attrazione

Share:
Moment_Factory-Changi_Airport-facciate-case-Peranakan

Un’installazione digitale in trompe l’oeil nell’area controlli di Changi Singapore

Un aeroporto che è una meta turistica in sé e non soltanto un luogo per decollare verso le vacanze. Succede a Singapore, dove lo studio canadese Moment Factory noto in tutto il mondo per i suoi allestimenti ad alto tasso di coinvolgimento emotivo allestisce da cinque anni un maxischermo che proietta paesaggi e visioni come in un gigantesco trompe l’oeil per i passeggeri del Terminal 4.

Moment-Factory-Changi-Airport-facciate-case-Peranakan

Facciate Peranakan nell’allestimento di Moment Factory al Terminal 4 dell’aeroporto Changi, Singapore

Obiettivo Instagram

L’idea è di approfittare del potenziale di uno scalo – spazi enormi e attitudine digitale di chi lo frequenta, visto che ormai le vacanze nascono e si comprano davanti a un monitor – per trasformare un transito in una vera e propria experience, degna di finire tra quelle che Airbnb suggerisce a chi prenota una stanza o una casa sul suo portale. Abbiamo raccontato qui di come stanno cambiando la cultura e l’industria del viaggio, di come conti sempre di meno la meta e sempre di più che cosa si andrà a fare e in che modo. I viaggiatori gypset – da zingari e jet set, l’avanguardia dei turisti più avvertiti e culturalmente consapevoli – scelgono infatti la destinazione in base alla potenzialità intrinseca del racconto che un luogo offre: quale idea trasmette di noi alla nostra community un post su Instagram in Patagonia e quale, invece, un selfie dalla Tate Modern?

Moment_Factory-Changi_Airport-area-controlli-terminal4

Area controlli al Terminal 4 di Changi, a destra in alto l’installazione di Moment Factory

Design emozionale

È l’experience che prevale sul luogo, insomma. L’ultimo posto in cui avremmo immaginato che questo rivolgimento potesse prendere piede sono gli aeroporti. Perché al gate di uno scalo siamo già tutti con la testa altrove, nel luogo dove tra qualche ora atterreremo. Eppure è proprio al Terminal 4 di Changi a Singapore che Moment Factory ha prodotto uno dei suoi lavori spettacolari di design esperienziale, traducendo con il linguaggio del trompe l’oeil un’architettura multimediale che proietta il viaggiatore in altri mondi giusto nelle ore che precedono la partenza. Uno storytelling dentro lo storytelling, con l’obiettivo scontato di far finire lo scalo su Instagram.

Moment_Factory-Changi_Airport-area-controlli

Terminal 4 dell’aeroporto di Changi, in alto l’installazione digitale di Moment Factory

Dai concerti rock alla Sagrada Familia

Moment Factory è un’eccellenza degli allestimenti multimediali. Si tratta dello studio fondato nel 2001 da Sakchin Bessette e Dominic Audet. Il primo è il direttore creativo con la passione per lo storytelling, l’altro lo chief innovation officer proveniente dal mondo dello spettacolo e con una visione “futuristica”. I due uniscono le forze e le competenze per produrre allestimenti dal forte impatto emotivo e visionario.  Nel 2007 si unisce Éric Fournier in qualità di produttore esecutivo, contribuendo ad ampliare gli orizzonti dello studio. Fournier porta la sua esperienza di senior vice president di New Ventures al Cirque du Soleil e di vice president of strategic planning di Bombardier. Lo studio passa da quindici a duecentocinquanta dipendenti e apre nuovi uffici in tutto il mondo. Tra i clienti arrivano rockstar come i Nine Inch Nails e i Muse che li ingaggiano per i loro tour e la città di Barcelona, dove proiettano luci immaginifiche sulla Sagrada Familia.

Moment_Factory-Changi_Airport-facciate-case-Peranakan

Facciate Peranakan nell’allestimento di Moment Factory al Terminal 4 dell’aeroporto Changi, Singapore

Folklore e sogno

Per l’aeroporto di Changi, dove decolla o atterra un volo ogni ottanta secondi, Moment Factory ha creato sette paesaggi sviluppati in collaborazione con l’azienda di elettronica e ingegneria Av e Nanolumens, fornitore di Led. Le immagini sono proiettate su uno schermo di settanta metri di larghezza per cinque di altezza, collocato nell’area sicurezza e al centro delle attenzioni dei viaggiatori in fila per i controlli. Tra tutte le visioni c’è anche quella delle facciate Peranakan tipiche di Singapore, che si animano di personaggi come in un film. La dimensione locale che incontra il mondo.

Moment_Factory-Changi_Airport-area-controlli

Il Terminal 4 di Changi, Singapore, area controlli sicurezza, con l’installazione visiva di Moment Factory