Nendo riporta Fritz Hansen al legno | CieloTerraDesign
menu
Fabiana Carboni

1 Aprile 2018

Nendo riporta Fritz Hansen al legno

Share:

Il designer giapponese realizza la prima sedia in massello sessant’anni dopo la Grand Prix di Jacobsen

 

L’abbiamo scritto più volte: davvero il mondo del design ha bisogno dell’ennesima sedia. di un ulteriore modello di tavolo o tavolino? Molto probabilmente no. Ma è anche vero che quando a tirare fuori dal cilindro un nuovo mobile dalla funzione classica per le nostre case è un’accoppiata inedita come quella formata da Fritz Hansen, lo storico marchio danese fondato nel 1872, e da Nendo, lo studio giapponese guidato da quindici anni da un talento universale come Oki Sato, allora vuol dire che bisogna andare a vedere davvero il risultato di questo binomio.

Partiamo dalle peculiarità del mobile. N01, questo il nome, è la prima sedia in legno massello del marchio danese da quando Arne Jacobsen progettò la Grand Prix nel 1957. Sessantuno anni dopo, l’idea del brand scandinavo specializzato nello stampaggio del compensato era di dare vita a una sedia robusta dall’aspetto leggero. N01 ha una seduta e uno schienale delicatamente curvi, realizzati con nove strati di impiallacciatura. Il telaio, con la sua sottile inclinazione che abbraccia il corpo, è realizzato in legno massello.

“E’ stato emozionante scoprire che la nostra sarebbe stata la prima sedia di questo tipo per Fritz Hansen dopo tutto questo tempo” spiega Oki Sato. “Una sedia di legno non è un prodotto facile per un designer. Volevamo progettarne una che fosse contemporanea, ma mantenesse insieme il segno della tradizione e del marchio “.

Ogni trasferta del team di Nendo a Alleroed, in Danimarca, è coincisa con la fattura di un prototipo diverso, soprattutto nelle fasi finali della produzione, coerentemente con il modo di procedere del team giapponese e dell’azienda scandinava, che da sempre svettano per la cura del dettaglio. Qui l’obiettivo era coniugare forza e comfort. Il design ha dato leggerezza alla sedia sfidando i processi di produzione standard del marchio. Normalmente, l’articolazione in cui la struttura e il guscio si incontrano è ispessita per aumentare la resistenza, il che spesso dà un’impressione di pesantezza. Per evitare ciò, i team hanno lavorato insieme per creare un giunto che faccia apparire il telaio e il guscio come se si tocchino il meno possibile, ben sapendo che con il legno anche una variazione di un millimentro può cambiare notevolmente l’aspetto e il livello di comfort.

Il design finale è composto da 23 parti realizzate con un mix di legno massiccio e impiallacciatura. Ogni pezzo è fabbricato industrialmente in un’azienda di legname di proprietà di Fritz Hansen in Belgio, prima di essere assemblato a mano nell’officina in Danimarca.