Design & Designers

Terra cruda, quando la tradizione diventa design

Texture artigianali nelle ultime collezioni di Matteo Brioni

 

di Carlotta Belluzzi Mus

Dalle antiche tradizioni legate alla produzione dei laterizi nasce il progetto in terra cruda firmato Matteo Brioni, volto a portare un materiale primitivo nel raffinato mondo del design e dell’architettura. Un prodotto ben lontano dai classici mattoni per l’edilizia, una raccolta di intonaci e finiture dal pregio estetico, ecologico ed emozionale.

Il primo incontro con la materia

L’idea nasce oltre dieci anni fa quando Matteo Brioni scopre il mattone in terra cruda in occasione di una fiera. Da quel colpo di fulmine, il fascino del materiale obsoleto, l’immaginazione e la voglia di sperimentare hanno portato Brioni a fondare, nel 2010, un’azienda specializzata nella ricerca e nella posa della malta.

Dall’edilizia all’interior

Per passare in maniera efficace dalla dimensione limitata dei prodotti laterizi a una più ampia che va a contaminarsi con il design, Matteo Brioni propone una rilettura della terra cruda, trattandola come rivestimento murario decorativo. Una soluzione particolarmente versatile, facilmente spendibile in orizzontale e in verticale in qualsiasi tipo di lavorazione, dalla velatura all’intonacatura, liscia, usurata, splendente o decorata da motivi tridimensionali, variazioni che restituiscono al cliente piacevoli sensazioni visive e tattili.

Non solo estetica

La ricetta di Brioni prevede una giusta proporzione di acqua, argilla e inerti naturali, da essiccare all’aria, senza bisogno di cottura. Un materiale tanto antico quanto attuale nel rispettare una sensibilità ecologica propria del lavoro degli innovatori di questi tempi. La produzione Matteo Brioni aspira all’equilibrio assoluto tra etica ed estetica. In questo senso TerraCruda è un prodotto volto a rendere il pubblico consapevole rispetto alla bellezza di un materiale unico ed eticamente corretto.

TerraWabi

Una delle ultime collezioni proposte dall’azienda si ispira al concetto giapponese del Wabi-sabi, ovvero dell’assoluta essenzialità e naturalità delle cose. Com’è tipico della cultura orientale ciò che è naturale viene considerato bello, nonostante non sia in grado di raggiungere la perfezione o l’immortalità. Per lo stesso criterio TerraWabi è un rivestimento che sfrutta i colori naturali dell’argilla, caldi, rotondi, profondi. Il risultato è un prodotto estremamente materico, imperfetto, ma impreziosito dalla morbidezza delle cromie.

TerraEvoca

Il progetto più recente firmato Matteo Brioni prende il nome di TerraEvoca. Una collezione di superfici decorate di grande raffinatezza, dove la tecnica dell’altorilievo si fonde con la materia instaurando un rapporto di simbiosi in continuo dialogo con gli ambienti e la luce circostante. L’artigianalità e l’assoluta unicità di ogni decorazione rendono TerraEvoca un progetto dalla grande carica emotiva, in cui il fruitore può lasciare la propria traccia personalizzando le textures in maniera del tutto creativa ed irripetibile.

 

Share:

Leave a reply