Tra classico e avanguardia, Thonet colpisce (ancora) nel segno | CieloTerraDesign
menu

Tra classico e avanguardia, Thonet colpisce (ancora) nel segno

Share:

Dai tavoli alle sedie tubolari del Bauhaus, le collezioni alla Milano Design Week

Dici Thonet e pensi a un’eccellenza del design mondiale. Il marchio tedesco nato nel 1819 e giunto alla sesta generazione sarà presente alla Milano Design Week con collezioni all’altezza del prestigio del brand, sinonimo di mobili innovativi, di qualità e di eleganza. Non c’è bisogno di ricordare i pezzi storici di Thonet come la sedia n° 14, nota come sedia in paglia di Vienna, o i mobili in tubolare d’acciaio degli anni Trenta ideati da esponenti del Bauhaus come Mart Stam, Mies van der Rohe e Marcel Breuer.

Il brand tedesco sarà presente al Padiglione 5 stand E12, ma alcuni prodotti della collezione Thonet All Seasons arrederanno uno spazio dell’evento Open Borders promosso da Interni presso l’Università Statale di Milano dall’11 al 23 aprile e alcune delle icone storiche dell’azienda torneranno dopo un secolo presso la Rinascente di piazza Duomo, al Design Supermarket.

Tra le novità, ecco innanzitutto il tavolo d’appoggio 1025 creato dal designer belga James van Vossel. Un elemento d’arredo funzionale, dalla presenza scultorea, frutto di sapiente maestria artigiana e di modernissime tecnologie. Il tavolo poggia su tre gambe di legno le cui estremità inferiori, equidistanti di 120 gradi, disegnano un cerchio immaginario sul pavimento, mentre le estremità superiori riaffiorano come cerchi perfettamente allineati e a filo con la superficie del piano. Le gambe si assottigliano alle estremità, creando con le loro venature un ulteriore, affascinante contrasto con il piano del tavolo.

Spazio, poi, alla leggerezza estetica del nuovo tavolo massello 1060 disegnato da Jorre van Ast, ricco di dettagli raffinati. Il piano rettangolare seduce per la sua essenzialità, gli angoli sono arrotondati e i bordi inferiori smussati. Il piano poggia su una base costituita da due coppie di gambe disposte a forma di V rovesciata, collegate da un’elegante traversa. Le gambe e la traversa sono in massello curvato e richiamano alla mente la tradizione della curvatura del legno, da sempre appannaggio di Thonet. La struttura fine ed essenziale, le linee fluide, morbide e organiche dei singoli componenti in legno conferiscono contemporaneità e leggerezza a questo tavolo che diventa protagonista di momenti conviviali nel tinello di casa e accogliente punto d’incontro nelle sale riunioni.

Gli elementi in legno curvato rappresentano la caratteristica peculiare del mobile. La gamba tonda si divide alla sommità in tre elementi, due dei quali rivolti verso il basso a formare una V rovesciata, mentre il terzo costituisce la traversa che collega le due coppie di gambe sotto al tavolo. Oltre a stabilizzare il mobile, la traversa contribuisce all’aspetto organico del tavolo con la sua forma snella, curvata a 90° in corrispondenza delle estremità. La struttura stilizzata della base permette, tra l’altro, grande libertà di movimento per le gambe. Il bordo smussato del tavolo dona ulteriore leggerezza ed eleganza al piano massello. La superficie è morbida e uniforme al tatto. Con il suo linguaggio formale minimalista e allo stesso tempo fortemente espressivo, il tavolo si inserisce alla perfezione nel portafoglio di prodotti Thonet prestandosi ad accompagnare innumerevoli modelli di sedie. “Creare un nuovo modello senza perdere di vista la storia dell’azienda è stata una vera sfida per me” spiega il designer olandese. “Sviluppando il progetto mi è venuto spontaneo concentrarmi su una delle competenze chiave di Thonet, la curvatura del legno massello. Ci tenevo a progettare un mobile da abbinare alle splendide sedie di casa Thonet”, aggiunge. Il tavolo è disponibile in rovere o frassino trattato a olio, laccato o mordenzato a colori. La versione in noce presenta una base in frassino laccata bianca o nera. In particolare la variante trattata a olio mette in risalto la raffinata venatura del legno massello. Nodi e piccole inclusioni sono caratteristiche naturali del legno che lasciano tracce nella superficie dando origine a variazioni di colore che la impreziosiscono ulteriormente. Il tavolo è proposto in due formati: 210 x 95 cm o 240 x 95 cm.

Alla Milano Design Week anche la collezione di classici in tubolare per esterni Thonet All Seasons, collezione che riprende alcune delle icone storiche di epoca Bauhaus, come le sedie cantiliver S 33 e S 34 di Mart Stam e la poltrona lounge S 35 di Marcel Breuer, i tavolini d’appoggio B 9, la poltrona lounge S 35 di Marcel Breuer e la sedia cantilever S 533 di Ludwig Mies van der Rohe. Rinnovati nei colori e nei materiali questi modelli, oltre che eleganti, sono resistenti alle intemperie e per questo ideali anche per l’esterno. “Il nostro obiettivo era creare una collezione funzionale e adatta a ogni periodo dell’anno, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche” spiega Miriam Püttner, principale responsabile del Thonet Design Team. “In questo senso le icone in tubolare d’acciaio che abbiamo scelto per questo progetto lasciano ampio spazio alla creatività”. I modelli Thonet All Seasons possono essere esposti senza problemi all’aperto o nel giardino d’inverno grazie ai piani dei tavoli realizzati in cemento a vista o bilaminato HPL e alla superficie testata Thonet Protect® resistente ai raggi UV come il tessuto a rete del rivestimento. “Neppure i più inclementi climi marittimi arrivano a scalfire la bellezza di questi mobili, merito del rivestimento protettivo e della speciale tecnologia adottata per il trattamento dei materiali”, spiega l’azienda. Per la nuova collezione Thonet ha operato scelte cromatiche molto precise. La tavolozza con i sette colori lanciata nel 2014 per i telai della linea Classics in Colour è ispirata alla teoria dei colori del Bauhaus oltre che al cerchio cromatico di Johannes Itten. Le 12 ulteriori tonalità disponibili per il tessuto a rete consentono innumerevoli varianti.