Il soggiorno è in continuità con la sala pranzo
menu

Un living in bianco a Cagliari

Share:

Portale indiano e vista sul mare, un progetto di Mauro Soddu

Una casa nel centro storico di Cagliari studiata per una giovane coppia e che punta sulla luminosità totale del bianco. Il progetto dell’architetto Mauro Soddu, classe ’82, riduce gli interventi strutturali e valorizza gli scorci visivi e la luce, dando risalto alla materia, in chiave contemporanea.

“Non esiste la casa giusta in assoluto” spiega Soddu, “esiste la casa giusta per un determinato cliente, in un dato luogo, nel nostro tempo”. L’accesso non avviene nel living, ma nella parte più riservata della casa. La vista verso il mare è stata valorizzata ampliando il varco di accesso in modo che la percezione del panorama avvenisse anche dall’ingresso, attraverso l’andito. Il soggiorno ha una conformazione particolarmente irregolare nella quale i mobili fuori squadra su misura (in Mdf laccato bianco) sfruttano gli angoli più problematici squadrando l’ambiente in associazione col controsoffitto.

Gli interventi murari realizzati sono stati quasi esclusivamente di demolizione: è stato demolito il muro della zona d’ingresso, traslato il portoncino, e si è agito sui muri dell’attuale camera matrimoniale per creare uniformità di superficie nel passaggio verso la zona giorno. Il soggiorno è in continuità con la sala pranzo, che è in continuità visiva con la cucina: una grande parete vetrata trasparente scherma il piano lavoro e protegge il soggiorno dagli odori, uno scorrevole anch’esso in vetro trasla sulla parete in travertino allorquando si accede alla cucina. Le nicchie sulla parete che costeggia il tavolo da pranzo, già esistenti, sono state sfruttate per accogliere vini e bicchieri; un’anta in vetro le protegge e il sistema discreto a perni in acciaio progettato su misura permette alle bottiglie di mantenere la posizione orizzontale.

La pietra è l’altro punto forte del progetto: pavimentazione in grande formato (80 x 120 cm) con venatura continua, elemento strutturale e espositivo nel soggiorno, divisorio nella zona pranzo, rivestimento nei bagni; in diverse finiture (stuccato, bocciardato, lucidato) a seconda delle funzioni.

Da notare la quasi totale assenza di porte: gli accessi al bagno padronale dalla camera matrimoniale e alla zona ospiti dall’ingresso avvengono tramite l’apertura di ante degli armadi prive di maniglia. L’esaltazione della mancanza di porte viene raggiunta con la opposta presenza forte e protettiva di un portale indiano di accesso alla camera matrimoniale. Il portale alto 2,60 metri, totalmente restaurato, mostra nella parte bassa dei fregi in pietra originali ed è frutto di un viaggio in India. Varcato il portale si accede alla camera matrimoniale di ampia superficie, molto minimale nelle scelte cromatiche e d’arredo, con soffitto in travi lignee laccate bianche e mobile a L su misura che cela l’accesso al bagno padronale.

L’ingresso dell’appartamento subisce un importante effetto d’ampliamento grazie all’armadio specchiato: alto 4,60 metri, ospita sul fronte principale il vano contenitivo per le giacche e nicchie espositive, nella parte interna ospita lavatrice e stireria. È inoltre un elemento che scherma l’ultima stanza dell’abitazione. “I clienti mi chiesero di poter ospitare all’occorrenza, in questa stanza di 17 mq, per brevissimi soggiorni, anche quattro persone, destando in me dapprincipio non poche perplessità..” spiega l’architetto.

La richiesta è stata soddisfatta tramite un pannello ligneo alto 2,40 m (la stanza in quel punto è alta 4,50 m) che divide visivamente l’ambiente ma permette alla luce e all’aerazione naturale di servire entrambe le zone. La prima parte ospita una zona studio con divano e mobile contenitivo, la seconda parte due poltroncine con tavolino. All’occorrenza il divano e le poltrone si convertono in due letti matrimoniali permettendo l’alloggio agli ospiti e il contenimento nell’armadio su misura di valigie e abiti.

La casa ha un sistema di domotica che permette la gestione a distanza anche tramite app per cellulare di tutti i componenti elettrici. Gli split sono celati nei controsoffitti dell’abitazione e tramite canalizzazione servono tutti gli ambienti della casa (bagni compresi). L’impianto di illuminazione a Led, nella sua varietà e precisione (faretti incassati a scomparsa nel controsoffitto, tagli di luce in cucina e andito, fasci perimetrali nel controsoffitto, luce indiretta nelle camere…), mira a creare scenari differenti a seconda delle esigenze, a esaltare la materia tramite luci radenti (anche a pavimento nella zona giorno), a ottimizzare il comfort grazie alla regolazione di intensità negli ambienti principali.

La scala con accesso interno e privato conduce alla terrazza sovrastante fornita di angolo cottura realizzato su misura e zona relax con vista verso il porto a sud e centro storico di Cagliari a Nord.