Ho visto case

Vivere in un videogame (e con Escher)

Il puzzle architettonico di una casa a Los Angeles firmata studio CHA:COL

di Isabella Clara Sciacca

 

Prende ispirazione dall’ormai celebre Monument Valley, il videogame per smartphone che spopola fra graphic designer e appassionati di architettura, l’appartamento realizzato a Los Angeles, nel quartiere dell’arte, in un loft un tempo utilizzato come set cinematografico e che aspettava di essere riscattato dagli eccessi di orpelli hollywoodiani.

Originali e taylor-made le soluzioni trovate per conciliare al meglio vita privata e professionale in uno spazio destinato a una coppia di creativi: una scrittrice e un game designer alla ricerca di un ritiro dalla città, nel quale fosse possibile trovare la giusta tranquillità per lavorare, così come per vivere, in un ambiente che favorisse la creatività senza rinunciare al comfort e alla socialità.

Il progetto interpreta quasi letteralmente la richiesta dei clienti che, in questo caso, avevano l’esigenza di rinnovare l’appartamento, rendendolo più funzionale per lavorare e allo stesso tempo non volevano rinunciare all’ampio spazio di un lounge da destinare al relax. Come conciliare l’idea di una casa comoda e ospitale con uno spazio di lavoro funzionale per due professionisti della creatività, ognuno dei quali alla ricerca della propria ispirazione?

CHA:COL ha realizzato un progetto che prevede, come spesso nei lavori di questo studio, un importante e accurato intervento di falegnameria.

Una grande struttura a nicchia, che presenta due facce, divide l’ampio loft in zone ben distinte; il lato frontale, che prevede un divano, guarda verso l’ingresso dell’appartamento e identifica, separandola, l’area living. Il retro della grande struttura è, invece, uno spazio studio dotato di scrivania e mensole. La grande costruzione, che ha un aspetto leggerissimo e dinamico grazie all’alternarsi di tagli obliqui, in legno bianco e chiaro, è frutto di un minuzioso progetto di falegnameria che separa la cucina dall’ingresso fino all’area combinata e posiziona il lounge in un’area distinta dal work space all’altro capo.

Proprio riferendosi alla professione della cliente, l’installazione è stata ironicamente soprannominata “il blocco dello scrittore”.

Allo stesso modo non poteva mancare, in un progetto che tende l’orecchio alle preferenze del committente, la citazione diretta del mondo del videogioco a cui il cliente appartiene e, in particolare, all’estetica di quelli firmati da lui. Sia la palette che il layout del design prende ispirazione da Monument Valley, un puzzle game da smartphone, diventato rapidamente molto popolare fra i creativi per via della coloratissima grafica stilizzata e, sopratutto, dei suoi labirinti impossibili, che rimandano alle geometrie e alle scale irreali di M. C. Escher.

“Monument Valley è unico per la sua abilità di trasformare serie di linee e forme in 2D in surreali panorami 3D che il giocatore si trova ad abitare” ha detto il designer Apurva Pande di CHA:COL, “dal momento che il cliente aveva un background in animazione e gaming, ci siamo divertiti a giocare anche noi come architetti, così abbiamo deciso di utilizzarlo come punto di riferimento principale nel progettare lo spazio. Così come Ida ( la protagonista del gioco) si muove attraverso superfici che slittano e muri angolari, noi abbiamo immaginato i clienti muoversi attraverso l’area creativa fino alla sala ed è in ciò che risiede l’interpretazione del 3D che diventa 2D e viceversa”.

Per esaltare gli elementi grafici del progetto, i designer hanno collocato un ampio segno geometrico lungo il muro posto di fronte al lounge, che prosegue sui profili del tappeto e si conclude nel blocco.

Le modifiche hanno messo in risalto sia le imponenti travi in legno, sia le tavole che ricoprono il soffitto, il che rende l’ambiente molto caloroso e controbilancia l’intensa luce proveniente dalle larghe finestre e riflessa sulle pareti color bianco slavato, la pavimentazione chiara e le finiture lucide dell’arredamento, creato quest’ultimo su misura per il loft.

 

 

Share:

Leave a reply

Vuoi essere sempre aggiornato su tendenze, arredamento e design?
Iscriviti qui.
Cielo Terra Design