Zoku, la rivoluzione della camera d'albergo in 25 mq | CieloTerraDesign
menu

Zoku, la rivoluzione della camera d’albergo in 25 mq

Share:

Da giugno nel circuito di Secret Escapes la stanza/loft ad Amsterdam

 

Il nome viene dal giapponese: Zoku vuol dire “famiglia”, ma anche clan, tribù. Insomma, rimanda a tutto quanto faccia “gruppo”, nell’accezione positiva. E infatti l’idea di Hans Meyer e Marc Jongerius era di creare un albergo che fondesse tempo libero e lavoro, qualcosa che fosse insieme hotel, casa e ufficio, perfetto per i lavoratori – professionisti, viaggiatori, free lance – nomadi di questi tempi. In pratica, una stanza di piccole dimensioni, 25 metri quadrati, dove però c’è tutto l’occorrente per vivere, lavorare, incontrare clienti e collaboratori e, perché no, fare sport, come testimoniano le maniglie appese al soffitto e che servono a fare ginnastica.

“Il marchio Zoku” spiegano i suoi inventori “segna la fine della stanza d’albergo come la conosciamo. Volevamo creare un posto che offrisse i servizi di un hotel ma anche la vivacità del quartiere preferito”. Il primo Zoku è ad Amsterdam e rientrerà, da giugno, nel circuito di Secret Escapes, il club on line che offre ai soci sconti e offerte su hotel e viaggi di lusso. Al posto del letto, come accadrebbe in una normale camera d’albergo, l’elemento centrale è un tavolo per quattro persone che può essere utilizzato per lavorare, mangiare o rilassarsi. La zona giorno, invece, si compone di un comodo divano a due posti che permette agli ospiti di rilassarsi, ricevere ospiti, leggere un libro o guardare la tv. Tutti i mobili di Zoku sono di Muuto, che per l’occasione ha adattato il divano Rest. Un tappeto spesso e morbido è stato posto sul pavimento di bambù davanti al divano.

Il tavolo da pranzo e di lavoro è posizionato vicino al divano. La cucina si trova dietro il tavolo. Il suo design intelligente offre tutti i comfort necessari con attrezzature Siemens, tra cui un piano cottura a induzione, un lavandino, una lavastoviglie, un frigorifero/congelatore, forno a microonde e macchina per il caffè. Il piano di lavoro e la parete posteriore della cucina sono in quarzo, mentre armadi e porte sono in multiplex con finitura liscia epossidica bianca. Materiali che caratterizzano lo stile del Zoku Loft e sono utilizzati anche per il letto king-size, raggiungibile tramite le scale retrattili. Diverse funzioni sono state poste sotto il letto, ad esempio un armadio retrattile, la tv e una unità di lavoro. La zona notte, la parte più privata del loft, può essere proiettata fuori chiudendo la porta a libro in legno semi-trasparente. Contrariamente a una camera standard, questo meccanismo rende il Zoku Loft ideale per ricevere gli ospiti sia per appuntamenti di lavoro o per eventi informali.

L’unità di lavoro, che si trova in una nicchia sotto il letto, offre una varietà di apparecchiature per ufficio, ed è il luogo perfetto per brevi operazioni telematiche o per nascondere un computer portatile. La parete della Zoku Loft dispone di un profilo a forma di U in acciaio nero, che supporta non solo le scale retrattili, ma può anche essere utilizzato per posizionare quadri o foto incorniciate. Zoku permette agli ospiti di scegliere questi pezzi, personalizzando la camera. La parete opposta presenta un nastro di acciaio, che può essere utilizzato come memo magnete. Le finestre alte, che lasciano entrare molta luce, sono coperte con eleganti tende bianche, ma anche da oscuranti che possono essere chiusi prima di coricarsi.

Il bagno è situato accanto all’ingresso. Un armadietto in rovere per i medicinali è stato posto sopra il lavabo in ceramica, e un wc sospeso si trova di fronte. Completano il tutto una doccia molto spaziosa e una zona wc con  porta di vetro sabbiato. La parete posteriore della doccia è completamente ricoperta con uno specchio che otticamente raddoppia la dimensione dello spazio.

Lo scorso settembre, Zoku ha vinto il Radical Innovation Award 2015, che va a chi esplora nuovi linguaggi nel mondo della ricettività.