Da Hong Kong alla Finlandia, la passione per il legno di Didi NG Wing Yin - CTD
menu
Ludovica Proietti

10 Marzo 2022

L’anima del legno nel design di Didi NG Wing Yin

Share:

Designer di Hong Kong attivo in Finlandia, le sue creazioni celebrano il legno fino all’ultima venatura

Come è vivere tra due culture? Come ci si sente a essere industrial designer in Europa, avere le radici in Estremo Oriente e la testa alla Finlandia e ai suoi boschi? Didi NG Wing Yin è la stella nascente del design internazionale, nato a Hong Kong e attivo a Helsinki, che riesce a combinare materiali crudi e geometrie astratte per creare un linguaggio personale, che travalica quello industriale e la stessa tradizione artigiana, approdando in un universo poetico fatto di legno e richiami alla terra. Uno stile che unisce la compostezza asiatica con la matericità scandinava.

Come è cominciata la tua carriera nel mondo del design? Che cosa ti ha fatto interessare agli oggetti, alla loro relazione con gli spazi e con la vita di tutti i giorni?

Ho iniziato la mia carriera dopo una laurea in Design industriale al Politecnico di Hong Kong. Ho lavorato sia come freelance che in azienda, nel campo del prodotto e del design d’interni. Tuttavia, ho capito che lavorare in ufficio e nel mondo del progetto a Hong Kong non faceva per me, cosa che mi ha fatto sentire perso e sfiancato. Così ho deciso di cambiare rotta e di cominciare un master alla Alvar Aalto University in Finlandia, nel 2018. Un nuovo inizio, per me e la mia carriera. Penso che dentro gli oggetti ci sia la libertà del designer o dell’artista. Che un arredo o un vaso non siano soltanto un affare di decor, ma qualcosa che riflette il cuore e la mente del progettista e parla anche della vita e delle passioni di chi ne diventa proprietario poi.

Flow, la lounge chair in multistrato di betulla e legno massello. La struttura a telaio cavo celebra la tensione e la forza create dal compensato.

C’è qualcosa che ti ha fatto capire che il design era quello che volevi fare nella vita? C’è qualcuno a cui guardi con ammirazione?

La prima volta che ho sentito il forte desiderio di intraprendere la carriera di designer è stato quando ho conosciuto Scot Laughton, il mio professore al primo corso di Furniture design. Il tema didattico era la progettazione di una semplice sedia in legno compensato. L’altro personaggio che mi ha ispirato è stato Shiro Kuramata. Sono rimasto scioccato dal suo modo di progettare, e ho capito che il design non è solo forma e funzione, ma anche emozione e poesia.

Albero di Natale, installazione a Hong Kong

Da dove viene la tua ispirazione? Che cosa ti rende curioso quando pensi al tuo prossimo oggetto?

Il tipo di lavoro mi suggerisce quale approccio usare, sempre diverso. Amo iniziare facendo, lasciare che sia il processo a guidare. Il mio modo di pensare al progetto è un po’ un’avventura, cerco e esploro con l’intuito per scoprire ciò che mi è ignoto. L’oggetto finale diventa così quasi il racconto di una storia.

Senti il bisogno di seguire un metodo o lavori di ispirazione pura?

Dipende sempre da come mi rapporto alla produzione, se come designer o come maker. Come designer, uso un approccio tradizionale: sketch, modellazione, prototipazione. Così la parte razionale si assicura che tutto sia pronto per la produzione industriale. Che siano piccole serie o pezzi unici, amo lavorare alle collezioni con le mie mani. Incidere il legno è la mia attività preferita, e in questo caso vado di ispirazione. Il metodo è sempre necessario, dipende quanto ci si senta a proprio agio con ciò che si fa.

Doors, progetto in legno di pino

Le tue radici sono a Hong Kong, studi e vivi in Finlandia. È facile per te combinare culture e idee che provengono da luoghi così lontani tra di loro e convogliarle nel tuo modo di fare design?

È difficile rispondere. Non ho mai provato a combinare intenzionalmente le mie diverse culture, forse accade spontaneamente. Certo, tutto, tra Hong Kong e la Finlandia, è profondamente diverso: il tempo, gli stili di vita, gli spazi e la loro percezione. Una cosa che so per certo è che vivere in Finlandia mi consente di sperimentare la natura in un modo più spirituale, che mi restituisce tantissima ispirazione.

Curtain, il divisorio modulare in metallo ispirato al movimento delle onde del mare

Qual è la tua relazione con i materiali? Come decidi di combinarli con le forme e le idee?

Amo lavorare con il legno e con gli strumenti tradizionali. Mi piace studiare il materiale, capirlo a fondo, seguire le venature del legno mentre lo incido e lo modello. Non forzo la forma ma la seguo, come il fiume segue la corrente: è il legno stesso a spingermi e a guidarmi nella via corretta, raccontandomi il modo in cui vorrebbe essere prodotto. Il processo di incisione è lento ma l’interazione col materiale crea una forte relazione con me, che sono il designer. Ripetendo questo processo, sono sempre più influenzato da nuove idee e l’ispirazione cresce di pari passo.

Beam, la panca che esalta le imperfezioni naturali del legno

Come gestisci emozione e funzionalità nel progetto?

Ci sono due parti nel mio lavoro. La prima è trovare cose che mi circondano e che mi interessano. La seconda, più importante, è cercare l’emozione. Per esempio, quando modello il legno devo essere molto concentrato per farlo al meglio. Il processo richiede tempo e spazio. Ogni singolo taglio è pieno del mio amore e della mia energia. Quello del legno è un esempio per dire che io credo che l’energia si trasferisca e si incanali nel pezzo, e rimane in questo per sempre, rendendolo non soltanto unico esteticamente, ma un vero abitante del nostro universo casalingo.

Alter Nature, collezione di vasi in legno che racconta la vita dell’albero attraverso le spaccature provocate dai colpi d’ascia

Scarica il Media Kit

Il tuo webmagazine sul design e l'architettura. Raccontiamo storie che arrivano da sentieri poco battuti. Offriamo visioni laterali su personaggi e temi d’attualità

Download

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Dichiaro di aver letto ed accettato l'informativa sul trattamento dei dati personali
X
iscriviti alla newsletter